Il cosiddetto “Milleproroghe” conferma il sadomaso “non governo” del sistema culturale e mediale: interventi contingenti ed effimeri, promossi da lobby, clientele, clan. E il Ministro Bondi, fantasma di se stesso, è la triste icona del disinteresse del Governo Berlusconi per la cultura